Descrizione progetto

Lietocolle 2006
ISBN 88-7848-222-6
€ 10,00

Il libro è esaurito

La poesia appartata di Laura Ricci assomiglia molto all’antico rito del tè.
È delicata e preziosa ed ha un aroma tiepido, eppure inebriante, per usare le sue stesse parole. Riesce a dire sussurrando, o con i piccoli gesti della vita quotidiana, i soliti pensieri che ritornano alla mente, che ci accompagnano tutta una vita, e a volte ci assillano. Eppure nessun giorno è uguale all’altro e ogni amore che si vive ha la sua immensa importanza, che lo rende indispensabile e prezioso. Ȓ questo, probabilmente, il “selvatico fiore rosso”, di cui si parla in una delle poesie più belle della raccolta…
Dal punto di vista stilistico la totale disponibilità all’’ascolto si trasforma in pulizia formale e tendenza alla chiarezza, nell’’eliminazione di tutto quello che ingolfa, intorbidisce la sostanza della scrittura (e aggiungerei dell’’agire) poetico. Allora la lucida introspezione si fonde con i sensi e il tè ha un sapore, ad un tempo, dolce e forte. Per questo la poesia di Laura Ricci riesce a tracciare con discrezione – ma in modo abile e profondo – un paesaggio di stagioni fatto di piccole cose concrete, dove anche gli inverni hanno i loro frutti gustosi, e a dare voce al mistero della notte. Alla sua luce segreta.

(Dalla prefazione di Alessio Brandolini)

Qualche poesia da Voce alla notte

Vivo per pochi attimi e brucio
questo già breve tempo –
le viole profonde nell’erba
già folta, saettare d’upupe
la pioggia candida del ciliegio
che dura un giorno.
Quando sarò più vecchia scaverà
anche questa follia nelle trame
intricate del viso – accelerar
di tempo per l’ansia di poche cose
note – gradite.

Anche l’inverno di questo anno

volge alla fine – di nuovo andate
le stagioni ingrate. Sotto la neve
una primula color di fragola
di selvatico un fiore rosso.

————————————-

Dentro una strada di Sevilla
zingara non richiesta mi cantò
– ¡Pobre de ti, estáun amor
de fuego dentro tu vida! –

Vent’anni appena, quell’amore
non lo sapevo ancora.

Assorta osservo il solco fondo
nella mano, l’inestinguibile
mia linea netta, decisa.
Stinti alle tempie i capelli
– pobre de mi – conosco bene
quell’amore. E brucia.

———————————

È – questo intenso amore –
campo rosso di fragole
d’acre dolcezza profumato.
È di limone fiore, di frutto
aspro allegro mi stordì
d’aroma forte assaporato.
Emana acre pari intenso odore
l’aspro tuo intenso profumato
amore.

————————————–

Tutto finito
quasi un fallimento.
Pure amerò di nuovo
con la totalità
piena di sempre.