caffè san marco triesteMartedì 21 giugno 2016 alle ore 18,30
LIBRERIA E ANTICO CAFFÈ SAN MARCO
TRIESTE – Via Battisti 18

Laura Ricci presenterà il suo libro
“IN VIAGGIO. GRANI DI SAUDADE”
Versi di Laura Ricci con opere pittoriche di Salvatore Ravo

Introduce Alexandra Zambà, poeta e presidente Associazione Ciprioti in Italia NIMA
Leggono in italiano e greco Ambra Laurenzi, Laura Ricci e Alexandra Zambà

laura-ricciIn viaggio. Grani di Saudade è un originale libro edito dalle edizioni La Vita Felice di Milano (ottobre 2015). Si tratta di un volume bilingue (italiano e inglese) che si dispiega in 250 pagine, attraverso 168 poemetti della scrittrice Laura Ricci, corredati da 15 opere pittoriche realizzate dall’artista Salvatore Ravo per dare vita alla copertina del libro e alle quattordici tavole di immagini che lo arricchiscono. Opere che non sono da considerare come illustrazioni, ma che fanno parte integrante del viaggio, coniugando al discorso poetico l’espressione del linguaggio pittorico.

Alcuni dei poemetti relativi alla Grecia sono stati tradotti in greco e inseriti nell’antologia poetica italo-cipriota “Pane e Poesia”, edita nel 2015 dalla Vita Felice a cura dell’Associazione dei Ciprioti in Italia NIMA. In omaggio a Trieste e alla sua vasta e vivace comunità ellenica, le letture che arricchiranno la presentazione saranno in lingua greca e italiana.

Questo viaggio in versi e in immagini, che si configura come un moderno e singolare poema, vuoleLaura Ricci-In viaggio-copertina piccola
tracciare un itinerario di colore e di luce attraverso terre situate lungo la più antica e appassionante direttrice di sfida, conoscenza e scambio, il mare. Lo fa ricalcando la struttura liturgica e la configurazione in 14 stazioni della Via Lucis – cerimoniale meno noto della più dolorosa Via Crucis – per condurre, fuori da ogni intento confessionale e attraverso la metafora del cammino, alla constatazione che il dolore non costituisce la meta e l’approdo della vita degli umani, ma un passaggio che può portare alla liberazione e alla gioia.
Attraverso una reale mappatura, che nelle tavole pittoriche è talvolta simboleggiata dallo sfondo realizzato su carte geografiche del Settecento, partendo dal castello di Amleto l’itinerario tocca, con tratti di luce e innumerevoli rimandi culturali, Scandinavia, Normandia, Bretagna, Cornovaglia, Portogallo, Provenza, terre di Partenope, Sicilia, Malta, Rodi, Turchia, Grecia, terre d’Otranto. Per approdare a Venezia, quattordicesima risplendente stazione e luogo-ponte tra Occidente e Oriente.
Poema che si dispiega attraverso brevi poemetti, apprezzato da Claudio Magris che lo ha definito “un bellissimo poema, un’odissea che non è né partenza né ritorno, ma un navigare nell’Essere”, questo lavoro si contraddistingue per l’essenzialità e la forte suggestione del linguaggio, così che come affermano gli autori “non importa comprendere tutto ma, come nel mito o nella mistica, l’attitudine migliore è abbandonarsi al viaggio, procedere, lasciarsi penetrare, sentire”. Per lasciarsi andare all’inevitabile sentimento di Saudade che, nel libro, si ripete di stazione in stazione come i grani di un rosario.

Dopo la presentazione al Caffè San Marco, il libro e l’autrice proseguiranno il loro cammino verso le Residenze Estive di Duino (22-27 giugno), il cui tema è, in questa edizione 2016, “Confini, vecchi e nuovi”.

Per maggiori notizie sull’autrice www.lauraricci.it